Faccio cose

Faccio cose, molte e stupide, tipo inviare messaggi a chi non dovrei, essere gentile ed educata là dove non sarebbe nemmeno il caso di provarci, vado avanti, cerco di essere superiore.

Faccio cose che non lasciano il segno ma che fanno bene a me che, nella vita, non ho potuto essere mamma pancina e ho deciso di non essere mamma di cuore, perché sarebbe stata una forzatura.

Faccio cose che interessano a pochi, come ballare a suon di musica egiziana, scrivere post incongruenti, leggere libri, ascoltare musica tamarra (in auto a tutto volume), coltivare piante, dipingere i muri di casa quando sono giù, badare ad una madre che mi tortura il cervello, evitare il vicino di casa ottantenne che mi tampina per portarmi a cena fuori.

Faccio cose e piaccio a pochi. Ho sempre l’impressione di disturbare, di essere invadente, di non essere ascoltata, di non essere amata.

Faccio cose e ne vorrei fare ancora di più, anche se il rischio è di non riuscire a stare dietro a tutto.

Faccio cose come pensare che a volte non è necessario programmare, decidere, attendere, dedicarsi, a volte è bene soprassedere, fare finta di niente, mettere da parte, dimenticare, che tanto l’umano agire è quello che è, che siamo le persone che riusciamo ad essere, che il tempo di vita è un attimo, dopo, tutto è passato.

Allora faccio cose, per un momento, per giorni, per mesi, forse per anni, senza chiedere e senza pretendere, ma forse sperando di trovare sempre l’ispirazione dentro di me per non fermarmi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...